Pagina:Castani - Ragguaglio del numero de peregrini, 1576.djvu/32

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


traua, Se fino, k quanti hauea eia ilare,&il folito e fta to chela prima fera non fi metteua a conto,poi fi có. cedeuano tantigiorni, in quanti N. Sig. hàdea fatto grada cheacquiftaflero il Giubileo, che nel principio furnocinque, laQuarefima, & poi fumò tre, & il mefe di Dccembre vno, Se quello bollettino ogni fera cheritornauano Phaueuano da inoltrare, &l*vlrimafeli ftraciaua. Quelli poi che non haueano tal fede, ( purché no* fuflero cognofeiuti cuidentemente per vagabondi) fe lafciauano entrare, & fe li daua il bollettino con obli go che il giorno fequente portalferovn contrafegno dalli Penitentieri d’eirerconfelTati col quale la fecon daferaintrauano, e fino che fbrniuanoil perdono erano alloggiati. c A quello effetto la Compagnia fece diuerfe flampt con quali fegnaitano cartoni diuerfi che lene mandò gran copia alliconfeflbri de tuttequattro le Chiefe cò -■’** ordine che quelli Padri nó li dattero le non averi Pcregrini có il qnal modo fi occorreua à molte fraudi, Dalle Compagnie nó fi cercauaaltra fede, ma erano tutte riceute, & a quelle noltro Signore fece grada cheguadagnaflèroil Giubileo in vna fol volta, bicorne ben conolciute, & che non flauano più del doue re non haueano bilògno de bollettino, e di queflc alcuni alloggiano duefere & alcune tre. Dell’Peregriniparticolari fi fcriueua il nome, eco gnome ouero la patria,ma delle Compagnie fi faceua folo nota che a di tanti intrò la tal Cópagnia,chc erainoranri a numero òincirca. • Ctrc a le donne non fi faceua quella inflanda d! ’ fcnuere,ne di dammare, come che in ette cdTauail peri