Pagina:Castani - Ragguaglio del numero de peregrini, 1576.djvu/34

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Riamare per li primi alla menfa. Il mangiar era fol’yna volta il giorno la fera, die it vifitar delle Chiefe, nó permettala che vemffero prima, e vero che alcuni vltramontani fono Arati ( dopò J’hauer prefo il Giubileo ) riceuti anco la mattina. le viuande erano ogni quattro vn’lnfalata & vn piatto de carne tagliata, di vaccinaci d’AgnelIp fecò do li tempi chefepz’oITo paflfaua trent’oncfe,a ciafeun la fua mineftra, & il Tuo bocalettodevino (ouero fra quattro vn fiafeo) &dodecionciedi pane, è vero che del pane, e vino fe n’è tèmpre aggiorno quafp tje haq no domandato. Li giórni di magro in loco de quel piatto de carne fi mettepayn piatto, hora di topina, bora de Sardojii con cipolle & origano, hora di peflè in guazzetto, liora.di laiche, & hora con otto oue, & non è da la{piare ch’il Sabbato vigilia de Pétecofte fra infalata Se acconciar detti piatti de falumi, fi confutnorno otto barilid’aceto,cento venti bocal d’olio,Se furno beuute quattordeci botte de vino, da feì millia fcttecento ottan tatre perfone, che quella fera vi mangiorno de Jtèlegrini. Et quefto era il tnangfar’ordinarlo, ma alli Sacerdoti &alle Compagnie fecondo la qualità loro fe aggiongeuanpffiarà vn guazzetto & hora vn pezzo d’ar* rodo, hora frutti fecondo che li Guardiani có il parere de Scalchi deliberauano per le circunftantie che» lor pareuano. fornito il mangiare fi rendettano folennementeje ^ratie & quiui erano fratelli deputati che menauano à lauarp li piedi,a chi era giorno quella fera ( impero- k (che la prima fera fplo tal officio fi faceua ) Se anco fi ì cpfta#