Pagina:Castiglione - Il libro del Cortegiano.djvu/155

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

libro secondo. 139


risconsulto che litighi, nè medico che pigli medicina, nè teologo che sia buon cristiano.

LXVII. Rise messer Bernardo, poi soggiunse: Di questi sono infiniti esempii, detti da gran signori ed uomini gravissimi. Ma ridesi ancora spesso delle comparazioni, come scrisse il nostro Pistoja a Serafino: Rimanda il valigion che l’assimiglia; — chè, se ben vi ricordate, Serafino54 s’assimigliava molto ad una valigia. Sono ancora alcuni che si dilettano di comparar uomini e donne a cavalli, a cani, ad uccelli, e spesso a casse, a scanni, a carri, a candelieri; il che talor ha grazia, talor è freddissimo. Però in questo bisogna considerare il loco, il tempo, le persone, e l’altre cose che già’ tante volte avemo detto, — Allor il signor Gaspar Pallavicino, Piacevole comparazione, disse, fu quella che fece il signor Giovanni Gonzaga nostro, di Alessandro Magno al signor Alessandro suo figliolo. — Io non lo so, — rispose messer Bernardo. Disse il signor Gasparo: Giocava il signor Giovanni a tre dadi, e, come è sua usanza, aveva perduto molti ducati, e tuttavia perdea; ed il signor Alessandro suo figliolo, il quale, ancor che sia fanciullo, non gioca men volentieri che ’l padre, stava con molta attenzione mirandolo, e parea tutto tristo. Il conte di Pianella, che con molti altri gentiluomini era presente, disse: Eccovi, signore, che ’l signor Alessandro sta mal contento della vostra perdita, e si strugge aspettando pur che vinciate, per aver qualche cosa di vinta; però cavatelo55 di questa angonia, e prima che perdiate il resto, donategli almen un ducato, acciò che esso ancor possa andare a giocare co’ suoi compagni. — Disse allor il signor Giovanni: Voi v’ingannate, perchè Alessandro non pensa a così piccol cosa; ma, come si scrive che, Alessandro Magno, mentre che era fanciullo, intendendo che Filippo suo padre avea vinto una gran battaglia ed acquistato un certo regno, cominciò a piangere, ed essendogli domandato perchè piangeva, rispose, perchè dubitava che suo padre vincerebbe tanto paese, che non lasciarebbe che vincere a lui: così ora Alessandro mio figliolo si duole e sta per pianger vedendo ch’io suo padre perdo, perchè dubita ch’io perda tanto, che non lasci che perder a lui.—