Pagina:Castiglione - Il libro del Cortegiano.djvu/251

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

libro terzo. 235


il signor Gasparo, per sapergli correggere; — poi soggiunse: Voi, signor Magnifico, or che ’l Cortegian si sa guadagnare e mantener la grazia della sua signora, e tôrla al suo rivale, sete debitor d’insegnarli a tener secreti gli amori suoi. — Rispose il Magnifico: A me par d’aver detto assai: però fate mo che un altro parli di questa secretezza. — Allora messer Bernardo e tutti gli altri cominciarono di nuovo a fargli instanza; e ’l Magnifico ridendo, Voi, disse, volete tentarmi; troppo sete tutti ammaestrati in amore: pur, se desiderate saperne più, andate e sì vi leggete Ovidio. — E come, disse messer Bernardo, debb’io sperare che i suoi precetti vagliano in amore, poiché conforta e dice esser bonissimo, che l’uom in presenza della innamorata finga d’esser imbriaco? (vedete che bella maniera d’acquistar grazia!) ed allega per un bel modo di far intendere, stando a convito, ad una donna d’essere inamorato, lo intingere un dito nel vino, o scriverlo in su la tavola. — Rispose il Magnifico ridendo: In que’ tempi non era vizio. — E però, disse messer Bernardo, non dispiacendo agli uomini di que’ tempi questa cosa tanto sordida, è da credere che non avessero così gentil maniera di servir donne in amore come abbiam noi; ma non lasciamo il proposito nostro primo, d’insegnar a tener l’amor secreto.

LXXIII. Allor il Magnifico, Secondo me, disse, per tener l’amor secreto bisogna fuggir le cause che lo publicano, le quali sono molte, ma una principale, che è il voler esser troppo secreto, e non fidarsi di persona alcuna: perchè ogni amante desidera far conoscer le sue passioni alla amata, ed essendo solo è sforzato a far molte più dimostrazioni e più efficaci, che se da qualche amorevole e fedele amico fosse ajulato; perchè le dimostrazioni che lo amante istesso fa, danno molto maggior sospetto, che quelle che fa per internunzii: e perchè gii animi umani sono naturalmente curiosi di sapere, subito che uno alieno comincia a sospettare, mette tanta diligenza, che conosce il vero, e conosciutolo, non ha rispetto di publicarlo, anzi talor gli piace; il che non interviene dell’amico, il qual, oltre che ajuti di favore e di consiglio, spesso rimedia quegli errori che fa il cieco inamorato, e sempre procura la secretezza, e provede a molte cose