Pagina:Caterina da Siena - Epistole, 1.djvu/213

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

175

.,. *’5 proprio di sè medesimo, dovendo solo attendere al bene ed alla esaltazione sua: questo è il segno de’superbi, che per essere bene grandi ed enfiati, non si curano che la Chiesa sia distrutta, ed il dimonio divori 1* anime; molto è contrario il segno loro, che sono lupi rapaci a servi di Dio, che sono agnelli e seguitano il segno deH’AgnelIo, e così desidera l’anima mia di vedervi agnello. Non dico più, che se io andasse alla volontà, anco non mi resterei. Raccomandatemi strettamente in Cristo Jesù, al nostro Cristo in terra, e confortatelo, cli

non tema per veruna cosa che avvenga.


Permanete nella santa e dolce dilezione di Dio. Jesù dolce, Jesù amore.