Pagina:Caterina da Siena - Epistole, 3.djvu/172

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
172

I 72 curate le battaglie e le molestie del dimonio, e non venite a confusione di mente; ma portate con pazienzia la pena, e con dispiacimento la colpa, che seguirebbe’a consentire volontariamente, ed attualmente mandarla in effetto:’non siate negligente, ma sollicito!

disponete il gusto a sentire l’odore delle virtù, e della vera e santa povertà per amore del povero ed umile Agnello, poiché avete messo mano all’aratro, non vollete il capo indietro a mirarlo. Altro non dico. Permanete nella santa e dolce dilezione di Dio. Fuggite nella cella del cognoscimento di voi, dove trovarete la larghezza della bontà e carità di Dio che v’ha campato dall* inferno. Jesu dolce, Al »f! r .

in ! or t 5 J» lUVt; ’ * ’ -iti; 1 « r»r ni ’. i; ■ -i; ’) ij’uJ, irò 1. o t.. j ì ’ ’ m i ’ -07 *. u f.. *1 Jfl j yi(n i’l oj !UI #31’ì ) i i *i i|»JUi ( - i.!i.. ij ’.. .. «Jwil v , -. ’■ *1 / I . !. /* II.) I I I# Il IWil I "«!*■ I KJ (.|1 , ‘t «...

. i- * li | *.ll o)«iù) d* 11- I **■ -i* h i / Cc.’ U»J ’ )| ini/, t’i 1 i ‘j ri" i 1 j 1 1 ’ ’i jp u"w *’-m || ujui off -.«. | su Jesù amore.