Pagina:Caterina da Siena - Epistole, 3.djvu/183

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

183

183 dicendo per inganno di loro medesimi ingannati dalla propria volontà, la quale si chiama voluntà spirituale.

Io vorrei questa consolazione e non queste battaglie, nè molestie del dimonio, non già per me, rua per più piacere ed avere Dio; perchè meglio melo pare avere in questo modo che in quello. E per questo modo spesse volte cade in pena ed in tedio, e diventane incomportabile a sè medesimo, e così offende il suo stato perfetto, e giacevi dentro l’odore della superbia e non se ne avvede; perocché se elli fusse veramente umile e non presuntuoso, vedarebbe bene che la prima dolce Verità dà lo stato, il tempo, il luogo e consolazione e tribolazione, secondo che è necessità alla salute nostra, ed a compire la perfezione nell’anima alla quale è eletto; e vederebbe che ogni cosa dà per amore, e però con amore e con riverenzia debba ricevere ogni cosa, siccome fanno e secondi che sono in questo dolce e glorioso lume, e quali sono perfetti in ogni stato che sono, ed in ciò che Dio permette a loro, ogni cosa hanno in debita reverenzia, reputandosi degni delle pene e delli scandali del mondo, e d’essere privati delle loro consolazioni; e come si reputano degni delle pene, così si reputano indegni del frutto che seguita della pena: costoro nel lume hanno conosciuta e gustata l’eterna volontà di Dio, la quale non vuole altro che lo nostro bene e che siamo santificati in lui; e però le dà, e poiché l’anima l’ha cognoscinta, se n è vestita, e non attende ad altro, se non a vedere in che modo possa crescere e conservare lo stato perfetto suo per gloria e loda del nome di Dio; e però apre l’occhio dell’intelletto nell’obietto suo Cristo crocifisso, il quale è regola, via e dottrina a’perfetti ed all imperfetti, e vede lo innamorato Agnello che gli dà dottrina di perfezione, e vedendolo se ne innamora. La perfezione è questa, che il Verbo del Figliuolo di Dio si notricò alla mensa del santo desiderio dell’onore del padre e della salute nostra, e con questo desiderio corre con grande sollicitnd’ne