Pagina:Caterina da Siena - Epistole, 3.djvu/184

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
184

i84 all’obbrobriosa morte elei In croce, non schifando, nè fadiga, nè labore, non ritraendosi per nostro ingratilodine ed ignoranzia di non cognoscere il beneficio suo, nè per persecuzione de’, giudei, ’nè per persecuzione, nè per scherni, nè villanie

mormorazioni del popolo, ma tutte le trapassa come nostro: capitano e vero cavaliero, il quale era venuto per insegnarci la via e la dottrina e,la regola sua, giognendo alla porta con la chiave del suo prezioso sangue sparto con fuòco d’amore, e con odio e dispiacimento del peccato; quasi dica questo dolce ed innamorato Verbo: Ecco, che io vi ho fatta -la via ed aperta la porta col sangue mio: non siale voi dunque negligenti a seguitarla, ponendovi a sedere con amore proprio di voi, e con ignoranzia di non cognoscere la via, e con presunzione di volerla eleggere a vostro modo e non di me che l’ho fatta. Levatevi dunque suso e seguitatemi j perocché neuno può andare al Padre, se non per me; Io so’ la via e la porla. ».


II. Allora l’anima innamorata ed ansietata d’amòre corre alla mensa del santo desiderio, e non vede.sè per sè cercando la propria consolazione, nò spirituale, nè temporale,’ ma come persona, che alitutto in questo lutile e cognoscimento ha annegata la propria volontà non rifiuta nessuna fadiga da qualunque lato ella si viene, anco con pena con obbrobrio e molte molestie del dimonio, e mormorazione delti nomini mangia in su la mensa della croce il cibo dell’onore di Dio e della salute dell’animé, e non cerca alcuna remunerazione nò da Dio, nè dalle créature, cioè, che non servono a Dio per proprio diletto, nè al prossimo per propria volontà ed utilità, ma per puro amore perdono loro medesimi, spogliandosi dell’uomo vecchio, cioè della propria sensualità, e veslonsi dell’uomo nuovo Cristo dolce Jesù, seguitandolo virilmente. Questi sono che si pascono alla mensa del santo desiderio, e cli

hanno posto più la sollicitudine in uccidere Ja propria volontà, clic in uccidere, o in mortificare il corpo: essi hanno