Pagina:Caterina da Siena - Epistole, 3.djvu/207

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

207

20^ ma sempre perseverò insino all’obbrobriosa morte della croce, togliendoci la morte e dandoci la vita. Or così fate voi, figliuoli miei, imparate, imparate da lui: amatevi, amatevi insieme d’ amore puro e santo in Cripto dolce Jesù. Altro non dico, perche tosto spero, quando piacerà alla divina bontà di rivedervi. Permanete nella santa

dolce dilezione di Dio. Jesù dolce, Jesù a moie. .