Pagina:Caterina da Siena - Epistole, 3.djvu/210

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
210

2 1 0 me ignorante, che se io il, cognoscesse in verità, non farei il fondamento sopra me medesima, che son peggio che rena, ma sopra la viva pietra di sopra delta, seguitando Cristo per la via degli obbrobrii, scherni e villanie; io mi priverei d’ogni consolazione per potermi conformare con lui da qualunque lalo elle si vengano, o dentro o. di fuora, non cercarei me per me, ma solo attenderei all’onore di Dio, salute dell’anime e reformazione della santa Chiesa, la quale veggo in tanto bisogno. Misera me, che fo tutto il contrario!

facendo male io, carissimo figliuolo, non’vorrei però che’l faceste voi, nè gli altri, anco desidero di vedervi fondati in sii questa pietra. Ora è venuto il tempo che si prova chi è servo di Dio, e se essi cercaranno loro per loro e Iddio per propria loro consolazione, che trovino in lui ed il prossimo per loro, inquanto se ne veggano consolazione, o sì, o no, e se noi crederemo che Dio si trovi pure in uno luogo e non in un altro, la quale cosa non veggo che sia così, ma trovo.che al vero servo di Dio ogni luogo gli è luogo, ed ogni tempo gli è tempo; unde quando egli è tempo d’abbandonare la propria consolazione ed abbracciare le fadighe per onore di Dio, egli il fa, e quando egli è tempo di fuggire il bosco per necessità dell’ onore di Dio, egli il fa, e vanne a luoghi publici, siccome faceva il glorioso santo Antonio (13), il quale benché molto sommamente amasse la solitudine, nondimeno spesse volte se ne partiva per confortare i cristiani, e così poterei dire di molti altri santi. Questo ò sempre stato il costume de* veri servi di Dio d’escire fuore nel tempo ’della necessità e avversità, ma non nel tempo della prosperità, anco la fuggono: non bisogna a questo tempo il fuggire, per timore che la molta prosperità non ci facci andare i cuori a vela, o al ’veivto della superbia e vanagloria, che neuno è cli

si possa gloriare altro che nelle fadighe, ma pare a me che il lume ci manchi, abbacinali dalle nostre consolazioni, e speranza posta in rcvelazioni, le quali cose