Pagina:Caterina da Siena - Epistole, 3.djvu/234

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
234

234 r ama; e se egli ama alcuna cosa, l’amore suo è imperfetto, perocché tanto ama quanto si vede trarre diletto o consolazione da Dio ed utilità dal prossimo, e però non è forte nè perseverante nel bene che egli lia cominciato, perocché a mano a mano che il latte della grande consolazione se li leva di bocca, elli viene meno e volle il capo indietro a mirare 1’ aratro, ma se in verità avesse cognosciuta la Verità, non gli additerebbe così, ma essendo.imperfetto, sè pur gli addivenisse di voltarsi in diètro, quello che non ha fatto, cioè d’ avere ordinato sè col lume della fede, elli ha materia di farlo dopo il cadimento, e debbalo fare, perocché più è spiacevole a Dio e danno a lui la longa perseveranzia nel peccato che il proprio peccato; perocché umana,cosa è il peccarè, ma la perseveranzia nel peccato è cosa di dimonio, unde non si debba giltare tra morte, mentre che egli ha il tempo, nè sostenere lo stimolo della coscienzia che’l chiama, rodendolo continuamente. Nè debba dire, io aspetto forse che non è anco matura questa pera acerba. 0 quanto è matto e stolto colui che aspetta il tempo che elli non ha e non risponde in quello che elli ha, e fa nè più nè meno, come se egli fusse sicuro d’avere il tempo. O quanta pena e ghiado è quando e’sono veduti così malli a servi di Dio. O quanto male fa costui!

elli offende Dio, che è somma ed eterna verilà, ed offende 1’ anima sua facendosi male di colpa, e contrista i servi di Dio, i quali stanno come affamali dell’ onore del loro Creatore e della salute deH’anime.

() figliuolo carissimo, tornivi un poco la memoria in capo, e aprite l1 occhio deH’intelletto a cognoscere le colpe vostre con speranza di misericordia. Vediate, vediate questa verità, e tornate al vostro ovile, perocché in altro modo non la potreste cognnsciare, che verità con colpa cognosciare non potreste; unde perchè di fuore dall’ ovile non stale senza colpa di peccato morlale, e con la gravezza della scomunicazione (/J) non potreste coguosciare questa verità, uia ritornando