Pagina:Caterina da Siena - Epistole, 3.djvu/269

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

269

10 non sono tornata: il più tosto che si potrà, e lo Spirito Santo cel permette, torneremo. Godete dello stare e dell’ andare. e tutte le vostre cogitazioni sì riposino qui su tenendo, che ogni cosa fa e farà la divina providenzia, se non eh io sono colei che guasto ciò che egli fa ed adopera per la moltitudine delle iniquità mie, e così fa danno a voi ed a tutto quanto 11 mondo. Fregovi quanto io so e posso che preghiate Dio che mi dia lume perfetto, sicché io vadi morta per la via della verità. Altro non dico. Confortatevi in Cristo dolce Jesù, cd a tutti ci raccomandate, e singularmcnle al baccelliere ed a frate Antonio ec. Permanete nella santa e dolce dilezione di Dio. Jesù dolce, Jesù amore.