Pagina:Caterina da Siena - Epistole, 3.djvu/27

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

27

molta impazienzia, odio e mormorazioni, e con molta infidehtà, e voglionsi ponere a investigare secondo il loro parere, e vedere cieco gli occulti miei giudizj, i quali sono tutti fatti giustamente, e per amore, e non cognoscono ancora loro medesimi, e però veggono falsamente, perocché chi non cognosce sè medesimo, non può cognoscere me, nè le giustizie rnie in verità. Vuoi.

figliuola, ti mostri quanto il mondo è ingannato dei misterjmiei? Or apre rocchio deH’intelIetlo, e ragguarda in me; e mirando con ansietalo desiderio dimostrava la dannazione di colui, per cui era addivenuto il caso, e di cui era pregato dicendo: Io voglio che tu sappi, che per camparlo dall’ eterna dannazione, nella quale tu vedi che elli era, io gli permisi questo caso, acciocché col sangue suo nel sangue mio avesse vita; perocché non avevo dimenticato la rivcrenzia ed amore che aveva alla mia dolcissima madre Maria: sicché dunque per misericordia l’ho fatto quello che gl’ignoranti tengono in crudelità, e tutto quello lo’addivicne per lamore proprio di loro, il quale li ha tolto il lume, e però non cognoscono la Verità; ma se essi si volessero levare la nuvola, la cognosciarebbero ed andrebbero, e così averebbero ogni cosa «n reverenzia, e nel tempo della ricolta ricorrebbero il frutto; ma in tutto, ed in questo, ed in ogni altra cosa, figliuoli miei, adempirò il desiderio vostro con mollo sostenere, e la mia providenzia sarà presso di loro, poco ed assai secondo la misura che essi si confìdaranuo in me, e ciò che io provederò più che la misura loro non tiene, il farò per adempire il desiderio de’servi miei, che per loro mi pregano; perocché io non sono dispregiatore di coloro che umilmente m’addimandano o per loro, o per altrui; e però io t’invito a chiedere misericordia a me per loro e per tutto quanto il mondo.

Concepite, figliuoli, e parturite il Figlinolo dell’umana generazione, con odio e dispiacimento del peccalo, e con affocato

spasimato amore. 0 carissimo c dolcissimo padre, allora vedendo ed udendo tanto dalla