Pagina:Caterina da Siena - Epistole, 3.djvu/28

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
28

a8 dolce prima Verità, il cuore per mezzo pareva che si partisse. Io muojo e non posso morire: abbiate compassione della miserabile figliuola, che vive in tanto stento per tanta offesa di Dio, e non ha con cui sfogarsi, se non che lo Spirito Santo m’ha proveduto dentro da me con la clemenzia sua, e di fuore m’ ha provedulo di spassarmi con lo scrivere. Confortianci tutti in Cristo dolce Jesù, e le péne ci sieno refrigerio, e accettiamo con grande sollicitudine il dolco invitare e senza negligenzia: padre dolce, rallegratevi, poiché tanto dolcemente sete chiamato, e sostenete con grande allegrezza e pazienzia, e senza pena affliggitiva, se volete essere sposo della Verità, é consolare in vo l’anima mia; perocché in altro modo non potreste avere la grazia, e me terreste in grande amaritudine, e però vi dissi, ch’io desideravo di vedervi seguilatore ed amatore della Verità. Altro non dico. Permanete nella santa e dolce dilezione di Dio. Benedicete frate Matteo (is) in Cristo dolce Jesù. Questa lettera e un’altra ch’io vi mandai, ho scritte di mia mano in sull’isola della Rocca (.F)con molti sospiri ed abbondanzia di lagrime, intanto che l’occhio vedendo non vedeva; ma piena d’ammirazione ero di me medesima e della bontà di Dio, considerando la sua misericordia verso le creature che hanno in loro ragione, e la sua providenzia; la quale abondava verso di me, che per refrigerio essendo privata della consolazione, la quale per mia ignoranzia io non cognobbi, m’aveva dato e proveduto con darmi 1’ attitudine dello scrivere (G); acciocché discendendo dall’altezza avesse un poco con chi sfogare il cuore, perché non scoppiasse; non volendomi trarre ancora di questa tenebrosa vita, per ammirabile modo me la formò nella mente mia, siccome fa il maestro al fanciullo che gli dà lo esemplo.

IV. Unde subito che fusto partito da me col glorioso Evangelista Joanni e Tomaso di Aquino, così dormendo cominciai ad imparare. Perdonatemi del troppo scrivere, perocché le mani e la lingua s accordano col cuore/Jesù dolce, Jesù amore.