Pagina:Caterina da Siena - Epistole, 3.djvu/285

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

285

^85 beneGzj quanti aviamo ricevuti da Dio e da lui? E non sappiamo noi che la ingratitudine fa seccare la fonte della pietà? )Non voglio che siamo ingrati, ma grati e cognoscenli, acciocché si notrichi la pietà in noi; e però vi prego per i amore di Cristo crociGsso, che adoperiate ec. Siamo pronti a sovvenire a questa verità ec. So certa, che, se sarete buoni e perfetti lavoratori nella vigna vostra, voi lavorarete con grande solliciludine per amore della Verità nella vigna della santa Chiesa; ma se sarete cattivi lavoratori in voi, non vi curarele lavorare in lei, siccome infine a ora si mostra; e però vi dissi ch’io desideravo di vedervi veri lavoratori. Altro non dico. Permanete nella santa e dolce dilezione di Dio. Jesù dolce, Jesù amore.