Pagina:Caterina da Siena - Epistole, 3.djvu/35

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

35

35 convenienti, io dico, tali che ci dorrebbero più che non fa il perdere le cose temporali Di tutti questi mali e pone vostre, io miserabile ne so’cagione per la poca mia virtù e per molta mia disobbedienzia. Santissimo padre, mirate col lume della ragione e con la verità il dispiacere verso di me, non per punizione, ma per dispiacere. Ed a cui ricorro, se -voi m’abbandonaste ?

chi mi sovverrebbe ? a cui rifuggo, se voi mi cacciaste?

e’persecutori mi perseguitano, ed io refuggo a voi ed agli altri figliuoli e servi di Dio, e se voi m’abandonaste pigliando dispiacere ed indignazione verso di me, ed io mi nascondarò nelle piaghe di Cristo crocifisso, di cui voi sete vicario, e so che mi riceverà, perocché elli non vuole la morte del peccatore, ed essendo ricevuta da lui, voi nefn mi cacciarete, anco staremo nel luogo nostro a combattere virilmente con 1’ arme della virtù per la dolce Sposa di Cristo: in lei voglio terminare la vita mia con lagrime, con sudori e con sospiri, e dare il sangue e le mirolla del1 ossa; e se tutto il mondo mi cacciasse, io non me ne curarò, riposandomi con pianto e con molto sostenere nel petto della dolce Sposa. Perdonatemi, santissimo Padre, ogni mia ignoranzia ed offesa che io ho fatta a Dio ed alla vostra santità: la verità sia quella che mi scusi e me deliberi Verità eterna: umilemente vi dimando la vostra benedizione. A voi dico, padre carissimo, che quando è possibile a voi, siate dinanzi alla santità sua (C) con viril cuore e senza alcuna pena o timore servile, e prima siate in cella dinanzi a Maria ed alla santissima croce, con santissima ed umile orazione, e con vero cognoscimento di voi, e con viva lede, e volontà di sostenere, e poi andare sicuramente, ed adoperate ciò che si può per onore di Dio e salute dell’ anime infino alla morte: ed annunziateli quello che io vi scrivo in questa lettera, secondo che lo Spirilo Santo vi minislrarà. Altro non vi dico. Permanete nella santa e dolce dilezione di Dio.

Tesù dolce, Jesù amore.