Pagina:Caterina da Siena - Epistole, 3.djvu/98

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
98

die elli dà a’ sudiliLi, elli spazzi la santa Chiesa; ma altri verrà (C), che con amore l’accompagnerà e riempirà, e addiverrà di questa sposa, come addiviene dell’anima, che in prima entra in essa il timore, è spogliata de vizj-, poi l’amore la riempie e veste di virtù.

Tutto questo sarà col dolce sostenere, dolce e suave a quelli che in verità si notriearanno al petto suo; ma fa questo che tu dica al vicario mio, che giusta al suo potere si pacifichi, e dia pace a chiunque la vuole ricevere; ed alle colonne della santa Chiesa di’, che se vogliono remediare alle grandi ruine, faccino questo:’che essi s’uniscano insieme e siano uno mantello a ricoprire i modi che appajono difettuosi del padre loro; e pongansi una vita ordinata, ed allato a loro, che tenni no ed amino me, e ritrovinsi insieme; gittando a terra lóro medesimi; e facendo così, io, che son lume, li darò quello lume che sarà necessario alla santa Chiesa; e veduto che hanno fra loro quello che si debba fare con vera unità, prontamente, arditamente, e con grande deliberazione il referiscano al vicario mio. Egli allora sarà costretto di. non resistere alle loro buone volontadi, perocché egli ha santa e buona intenzione (D). La lingua non è sufficiente a narrare tanli misterj, nè quello che lo intelletto vide e l’affetto concepette; e passandosi il dì, piena d’ammirazione venne la sera, e sentendo io che il cuore era tratto per affetto d’ amore, tanto che resistenzia non gli potevo fare, che al luogo dell’orazione io non andasse, e sentendo venire quella disposizione che fu al tempo della morte, posimi giù con grande reprensione, perchè con molla ignoranzia e negligenzia io serviva la sposa di Cristo, cd ero cagione che gli altri facessero quello medesimo, e levandomi con quella impronta, che era dinanzi all’occhio dell’intelletto mio di quello che detto è, Dio poscmi dinanzi a sè, benché io gli sia sempre presente, perchè contiene in sè ogni cosa; ma per uno nuovo modo, come se la memoria, lo intelletto e la volontà non avessero a fare