Pagina:Catullo e Lesbia.djvu/258

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
252 varianti.



Pag. 194.          Accipe queis merser fortunæ fluctibus ipse.

Alcuni libri hanno verser, non merser; sed non illud magis, quam allerum rectum, come dice il Vossio. Orazio, Epist., 1: lib. I.

Nunc agilis fio, et mersor civilihus undis;

e Virgilio, Enead., XI, 27:

Abstulit atra dies et funere mersit acerbo.


Perchè questa lezione non mi par dispregevole, l’ho detto nelle Questioni, IV, Ord. e disposiz. dei carmi.


Heinsio: non prius usque; Schwabio: copia parta est; Vossio: posta est. Utriusque petiti è dello Stazio; facta est del Lachmanno.


Pag. 198.          et in quo me corruerit genere.

Frochlichio torruerit, lezione proposta dallo Stazio, che legge: mi cor ruerit; Schradero: in qua me torruerit Venere; Marklandio: corpuerit. Mi son contentato