Pagina:Catullo e Lesbia.djvu/271

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ANNOTAZIONI

II.


Pag. 156.

Con buona pace del Poliziano e del Vossio, io credo col Sannazzaro, col Mureto e con altri buoni, che in questo carme non ci sia nè allusioni, nè doppii sensi.

Prima di tutto, la parola passer usarono i Latini non solo per indicare una cosa turpe e quella medesima che nascondevano i Greci con le voci κελιδόν, κορωνε ed altri nomi d’uccelli, ma per dare anche una tenera denominazione all’oggetto amato. Baciballum, oculissimus, amoenitas, passer, columba, erano i dolci nomi che si davano vezzeggiando gl’innamorati. Meus pullus passer, mea columba, mi lepus: Plauto, Cas. I, v. 50. Noveratis Mellissam Tarentinam pulcherrimum baciballum: Petron., fragm. Burmann. Quid autem passeruculum nostram Gratiam minusculam existimas modo facere? M. Aurel., ap. Front., 4. Dic me tuum passerculum, coturnicem: Plauto, Asin., IlI, 3.

Rapisardi. 23