Catullo e Lesbia/Traduzione/Parte prima. Amore ed illusione/1. Al passere di Lesbia - II Ad passerem Lesbiae

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../

../2. In morte del passero - III Finis passeris IncludiIntestazione 22 dicembre 2015 75% Da definire

Gaio Valerio Catullo, Mario Rapisardi - Catullo e Lesbia (Antichità)
Traduzione dal latino di Mario Rapisardi (1875)
Traduzione - 1. Al passere di Lesbia - II Ad passerem Lesbiae
Traduzione - Parte prima. Amore ed illusione Traduzione - 2. In morte del passero - III Finis passeris
[p. 156 modifica]

[II]

AD PASSEREM LESBIÆ.


Passer deliciæ meæ puellæ,
Qui cum ludere, quem in sinu tenere,
Quoi primum digitum dare adpetenti,
Et acris solet incitare morsus;
5Cum desiderio meo nitenti
Carum nescio quid lubet iocari,
Ut solaciolum sui doloris,
Credo, ut tam gravis acquiescat ardor.
Tecum ludere, sicut ipsa, possem,
10Et tristes animi levare curas!
Tam gratum mihi, quam, ferunt, puellæ
Pernici aureolum fuisse malum
Quod zonam soluit diu ligatam.




[p. 157 modifica]

1.

AL PASSERE DI LESBIA.


O passerin, che de la mia fanciulla
     Dolce e innocente sei studio ed affetto,
     E or t’aizza co ’l dito piccioletto
     Agli acri morsi, ed ora in sen ti culla;4

E, mentre al foco mio non so se nulla
     Di tal gioco darla miglior diletto,
     Ella così la mesta alma trastulla,
     Credo, a smorzar la fiamma aspra del petto;8

Così teco scherzar potessi anch’io;
     E la cura funesta, onde son vinto.
     Un istante bandir dal petto mio!11

La dolcezza n’avrei, che l’agil colse
     Donzella da quel pomo aureo, che il cinto
     Lungamente legato alfin le sciolse.14