Pagina:Cenni storico-bibliografici della R. Biblioteca nazionale di Firenze.djvu/22

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

22


per la più gran parte dagli eredi del senatore Giovambattista Nelli nel 1828.

Dei manoscritti che contiene la Nazionale può dirsi che la maggior parte è di gran pregio; e basterà accennare che alla raccolta Dantesca debbono riferirsi non meno di 100 codici, contenenti le opere del divino poeta ed i commenti ad esse; oltracchè vanno rammentati autografi o copie sincrone dei nostri più antichi classici, cominciando da Brunetto Latini, Guido Cavalcanti, Marco Polo, Ricordano Malispini, Petrarca, Boccaccio e i Villani, venendo poi ai nostri più famosi storici dei secoli XV e XVI (tra i quali vanno numerati molti autografi del Machiavelli e diversi storici inediti) per finire cogli autografi del Galilei e dei suoi più illustri scolari.

E passando ai particolari, rammenteremo il codice già palatino membranaceo della Divina Commedia, un dì appartenuto al Poggiali, il più antico che si conosca, comecché possa riportarsi al 1329 , cioè a soli otto anni dopo la morte di Dante. Altri assai ve ne ha contenenti lo stesso poema: ma lasciando senza