Pagina:Cennini - Il libro dell'arte, 1859.djvu/90

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
50 trattato della pittura



Capitolo LXIX.

Il modo di colorire più maniere di barbe e di capellature in fresco.


Quando vuoi fare d’altre capellature e d’altre barbe, o sanguigne, o rossette, o negre, o di qual maniera tu vuoi, falle pur prima di verdaccio, e ritrovale di bianco; poi le campeggia all’usato modo detto di sopra. Avvisati pur di qual colore tu vuoi, chè la pratica di vederne delle fatte t’insegnerà.


Capitolo LXX.

Le misure che dee avere il corpo dell’uomo fatto perfettamente.


Nota che, innanzi più oltre vada, ti voglio dare a littera le misure dell’uomo. Quelle della femmina lascio stare, perchè non ha nessuna perfetta misura. Prima, come ho detto di sopra, il viso è diviso in tre parti: cioè la testa, una; il naso, l’altra; e dal naso al mento, l’altra. Dalla proda del naso per tutta la lunghezza dell’occhio, una di queste misure: dalla fine dell’occhio per fine all’orecchie, una di queste misure: dall’uno orecchio all’altro, un viso per lunghezza: dal mento sotto il gozzo al trovare della gola, una delle tre misure: la gola, lunga una misura: dalla forcella della gola alla sommità dell’omero, un viso; e così dall’altro omero: dall’omero al gomito, un viso: dal gomito al nodo della mano, un viso ed una delle tre misure: la mano tutta per lunghezza, un viso: dalla forcella della gola a quella del magone, o vero stomaco, un viso: dallo stomaco al bellico, un viso: dal bellico al nodo della coscia, un viso: dalla coscia al ginocchio, due visi: dal ginocchio al tal-