Pagina:Cennini - Il libro dell'arte, 1859.djvu/97

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

di cennino cennini. 57



Capitolo LXXX.

A colorire un cangiante, in fresco o in secco, d’ocria.


Se vuoi fare un cangiante in fresco o in secco, campeggialo d’ocria, biancheggialo con bianco, e l’aombra di verde, nel chiaro; e nell’oscuro, di negro e di sinopia, o vuoi d’amatisto.


Capitolo LXXXI.

A colorire un vestimento berettino, in fresco o in secco.


Se vuoi fare un vestire berettino, tolli nero e ocria; cioè le due parti ocria, e il terzo nero; e digrada i colori, come indietro t’ho insegnato, e in fresco e in secco.


Capitolo LXXXII.

A colorire un vestimento, in fresco e in secco, di colore berettino rispondente al colore di legno.


Se vuoi fare un colore di legno, togli ocria, negro, e sinopia; ma le due parti ocria, e negro e rosso per la metà dell’ocria. Digrada i tuoi colori di questo in fresco, in secco, e in tempera.


Capitolo LXXXIII.

A fare un vestire d’azzurro della Magna, o oltramarino, o mantello di Nostra Donna.


Se vuoi fare un mantello di Nostra Donna d’azzurro della Magna, o altro vestire che voglia fare solo d’azzurro, prima in fresco campeggia il mantello, o ver vestire, di sinopia e di nero; ma le due parti sinopia, e