Pagina:Chi l'ha detto.djvu/515

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
[1425-1429] Religione, Iddio 483


§ 64.



Religione, Iddio





1425. L’Amor che move il sole e l’altre stelle.

(Dante, Paradiso, c. XXXIII, v. 145).

così è chiamato Iddio nell’ultimo verso della Divina Commedia.


Un concetto analogo è espresso nel verso virgiliano:

1426. Ab Jove principium, Musæ; Jovis omnia plena.

(Virgilio, Egloghe, III, v. 60).

cui si può ravvicinare l’emistichio:



1427. Mens agitat molem.

(Virgilio, Eneide, lib. VI, v. 727).

Pure in Dante troviamo un’altra terzina la quale parla del creato che in ogni sua parte rivela Iddio e la sua potenza, poichè:

1428. La gloria di Colui che tutto move
Per l’universo penetra, e risplende
In una parte più, e meno altrove.

(Paradiso, c. I, v. 1-3).

Essa si rivela soprattutto nelle bellezze del firmamento, poichè:

1429. Cœli enarrant gloriam Dei, et opera manuum ejus annuntiat firmamentum.

(Salmo XVIII, v. 1).

ma non meno che nelle grandi cose dovrebbe rivelarsi nelle piccole, se è vero l’antico dettato:



1426.     Cominciamo da Giove, o Muse; tutto è pieno di Giove.


1427.     Un’intelligenza muove tutta quella massa.


1429.     I cieli narrano la gloria di Dio e il firmamento annunzia le opere delle mani di lui.