Pagina:Chi l'ha detto.djvu/517

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
[1435-1439] Religione, Iddio 485


Quel ch’egli dispone nella sua somma sapienza, dovrà avverarsi:

1435.   [] Sillaba di Dio mai si cancella.

e neppure vale l’affaticarsi a scrutare le arcane ragioni e a sostituire il debole nostro criterio all’onnisciente giudizio di lui, poichè il Monti medesimo così ci ammonisce:

1436.   Severi, imperscrutabili, profondi
Sono i decreti di lassù, nè lice
A mortal occhio penetrarne il buio

(Aristodemo, tragedia, a. IV, sc. 2).

e prima di lui il Metastasio:

1437.   Sempre il Re dell’alte sfere
Non favella in chiari accenti,
Come allor, che in mezzo a’ venti
E tra i folgori parlò.
Cifre son del suo volere
Quanto il mondo in sè comprende;
Parlan l’opre; e poi s’intende
Ciò che in esse egli celò.

(Per la Festività del S. Natale, parte I;
nell’ediz. di Parigi 1780. to. VII, p. 369).

Quindi piena fede presteremo al poeta, quando ci dirà che

1438.   E perigliosa, e vana,
Se da lor [dagli Dei] non comincia ogni opra umana.

Così nell’Issipile (a. III, sc. 9) canta il Metastasio medesimo che in altra delle sue opere musicali aggiunse:}}

1439.   Nel cammin di nostra vita
Senza i rai del Ciel cortese,
Si smarrisce ogni alma ardita,
Trema il cor, vacilla il piè.