Pagina:Chi l'ha detto.djvu/748

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
716 Chi l’ha detto [1978]


che si trova già nella risposta data l’8 febbraio 1860 da Pio IX a Napoleone III che gli aveva scritto eccitandolo a cedere le Ro- magne al re Vittorio Emanuele; ed è ripetuto nell’Enciclica del 19 successivo. Ma pare che fosse risposta consueta della Chiesa ogni volta che le si chiedeva cosa contraria alle sue tradizioni, poichè è fama che così rispondesse anche Clemente VII ad Enrico VIII d’Inghilterra: cfr. pure con gli Atti degli Apostoli, cap. IV, v. 19.

Prima di lasciare il campo della letteratura italiana, faremo la solita incursione nel dominio del melodramma. La prima opera seria composta da Gioacchino Rossini fu il Tancredi, su libretto di Gaetano Rossi, data alla Fenice di Venezia nel carnevale 1813. Lo Stendhal (Henri Beyle) che si trovava allora a Venezia, così descrive l’entusiasmo destato nei veneziani da questa opera: «On peut juger du succès qu’eut cette œuvre céleste à Venise, le pays d’Italie où l’on juge le mieux de la beauté des chants. L’empereur et roi Napoléon eût honoré Venise de sa présence, que son arrivée n’y eût pas distrait de Rossini. C’était une folie, une vraie fureur, comme dit cette belle langue italienne créée pour les arts. Depuis le gondolier jusqu’au plus grand seigneur, tout le monde répétait:

1978.   Ti rivedrò, mi rivedrai.

(a. I, sc. 5).

«Au tribunal où l’on plaide, les juges furent obligès d’imposer silence à l’auditoire, qui chantait

Ti rivedrò!


ceci est un fait dont j’ai trouvé des centaines de tèmoins dans les salons de madame Benzoni» (Vie de Rossini, ch. 1).

Quest’aria è la medesima che comincia :

Tu che accendi


e secondo Stendhal è «l’air au monde qui peut-être a jamais ètè le plus chantè et en plus de lieux diffèrents.» Si vuole che la prima idea di questa cantilena deliziosa fosse presa da una litania greca che Rossini aveva sentito cantare a vespro nella chiesa di una delle isole della Laguna- La chiamavano pure l’aria dei risi per un piccolo aneddoto gastronomico che allora correva sulle bocche di tutti. A Rossini piaceva il riso pochissimo cotto: cosicchè