Pagina:Codifica numerica del segnale audio.djvu/159

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

5 - Codifica numerica di forma d’onda con memoria 141

Fig. 5.12 - Predittore lineare.

L’esponente “T” indica l’operazione di trasposizione. La struttura del predittore è, ovviamente, legata a quella del processo AR che vuole stimare, come mostrato nel seguito. Dati il segnale e la sua stima, è possibile definire il vettore e(n) dei campioni della funzione d’errore (residuo), i cui elementi sono ottenuti come

  (5.29)

Dal punto di vista della predizione, l’errore è una funzione dei coefficienti incogniti a k della quale si vuole determinare il minimo. Per determinare i parametri del predittore che minimizzino l’errore, è necessario scegliere un opportuno criterio di ottimizzazione. Quello più comunemente adottato è la minimizzazione dell’errore quadratico medio (Mean-Square value of the estimation Error: MSB), definito come la varianza del segnale d’errore

 
  (5.30)