Pagina:Codifica numerica del segnale audio.djvu/204

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
186 Codifica numerica del segnale audio
  (5.138)

la legge di variazione del coefficiente di velocità viene modificata

  (5.139)

tendendo ad 1 e facendo così prendere il sopravvento alla componente yu(k) del fattore di scala. Altrimenti ai(k) decade verso lo zero, facendo così prendere il sopravvento alla componente yl(k).

Passando alla predizione APB, essa opera sulla versione quantizzata della funzione differenza ricavata dall'uscita I(k)

  (5.140)

Il predittore non è di tipo ARX, ma ad un filtro IIR a due poli, corrispondente ad un predittore del secondo ordine, è associato un filtro FIR a 6 zeri (fig. 5.33). Ciò è motivato principalmente dal rischio di instabilità del predittore a solo poli nel caso di errori di trasmissione o consistenti errori di quantizzazione, ma anche per un migliore adattamento allo spettro di segnali vocali e dati [Jay76]. La stima è data dalla somma dei contributi del filtro FIR ed IIR

  (5.141)

I coefficienti di entrambi i filtri vengono adattati secondo l’algoritmo del gradiente sfruttando la cross-correlazione di polarità tra il segnale d’ingresso e di errore ed un decadimento esponenziale (per mitigare la presenza di errori)

  (5.142)

con λ = 255/256 e μ = 1/128. Per quanto riguarda il filtro IIR, la sua uscita costituisce la stima s e (k) del segnale. Essa viene calcolata in funzione dell’uscita del filtro FIR e del segnale ricostruito agli intervalli precedenti

  (5.143)