Pagina:Codroipo - Dialogo de la caccia de' falconi, astori, et sparvieri, 1614.djvu/42

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


24* De ]a Caccia uerfiPrewjfi jpecialmente a Vienna a la Maefià des l’Imperatore: It quali ho non /blamente meduti, ma~> per cortefìa de l’illufire Signor Alfonfi Mercados fiupremo Palcomero di fita Maefià Ce(area ne ho hauutt molte <-volte m dono. Quefiifononobtltffinu con tutte le qualità, che a falconi pellegrini fi conuengono.ma fono di gran lunga inferiori di calore d Leuantim: O* fidi loro mi è cofa buona,ui pellegrini *** moderarnefirefio di prima, ò feconda muta, di que/h ne muderà- ho meduti alcuni,ancor che pochijfirm,di raro, & /ingoiar m Falconi ’valore, ma però folamente armerà. Se poi de’ Leuantini pellegrini debbo dire,t fori fino perfetti, & i muderàmi di prima,O* feconda muta eccellenti, & rari, ne per la riuiera folamente, ma ancora per l’airone di coraggio, &■ ardire fin^a p$ris&fiecialmenttLji fori; li quali,come più giouani, fino anco più ardenti, ammoglio fi di moflrareil ualor loro in fimil attione di briga, & contrafio. questa dunque è la forte de’ falconi pellegrini, & quefiifino ipaefi,douebò conofciuto per ifierienza, che trouar fipofiàno. Horarefia, ch’io Bellezza a// dica il modo di conofier la beller^a loro più, & meno, pi[kgrinf ec 0 iì d° che per magherà di piuma, & per colore di mano, come fi co ò altra nobiltà mi potrò dare ad intender e-». Falconi J p lti ’voghi falcompellegrini, fecondo il commune giupfùftfmTti ^ tao domini periti, fino ifalconi biondi- li qua li dal de gli alrri primo Jcriminale de la te/iafin a gli evitimi termini dimoquai fì ran() runa candidezga fuprema:poi, feguitando la parte delpetto, tut fi mede mna maglia aj/ai minuta, C^ maga-*. la cofciaè dentro miabiamhijfima, & il piede, U gamba