Pagina:Codroipo - Dialogo de la caccia de' falconi, astori, et sparvieri, 1614.djvu/86

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


£>8 De la Caccia 6 " bagnar tutto l’-vccello,pòi lodarlo afcìugar a! Sole,fej non e troppo ardente, fi può amo metter a bohtr con le radette co/e -vn rametto,ò due difam„a,che hi -vn’odor oaoliarMUU a Quarti a fatto, -vi è poti! rimedio de l’orpimento macinato,,1 quale fi può dare afautto, V-iaonato: O" gtoua-a molto. &fe -vt fono pidocchi grò fi, hò -veduto gtouar tjueU herba, che-volgarmente è nominata menta-o a/ cca ^’>f‘ft‘i->,&cauatoneilfugo > colqualef,alauato ■££& Jll[ e u r " T"/ c ’ mi fi” i >d ua ndofi hà dato a t-vc «ino agl, «“» «primo rimedio da mefepra detto,deuefi la fera.qua’ do-viene / ofcuntà, metter fitto a l’-vccello panni lini netMT’& irglielipoi l prima, che apparifca il nono, che fi ntroueramo carichi d. così fi^, & no, ofiammalati, ‘hefuggendo firitirano, & s’attaccano m effe perite, mo-a conmen leuare effipanni prima, che appan/ia ildì, a ciò che non tornino -vn altra -voltai fipra l’-vccello; & a quello modo continuare, che m pochi dìfi libererà a fatto. Ho ragionato fin qui dei medicamenti,chefi pollino farew tjferentcmente così a’ falconi, come ad afton, 0 - fharuieri. Refia bora, ch’io parli, come bò prom elfo, di e K adori, &ffmtmcwe de la§ecie,&natura loro, & delmoMotì v! r lmma " itcmUll ’ l ’l m Ka,^mduflr,asì,ch^ T*l òli* hum ‘P‘ m ■ & comincierò da gli ajiorifir,. d»™“i fonare‘ Ch m ”.“ d’-vcceU,,gli loro nam- on ’ lter ^li di-vnaifìejfa forte, noe l attorci che e la. & perchè ne-vengono da dmlrfiparnh