Pagina:Collezione d'opuscoli scientifici e letterarj 4.djvu/104

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
104

SONETTO VI.


Nome che di letizia alma trabocca,
     E pien di grazie penetra nell’alme;
     Nome riportator di mille palme
     4Sigillo sia per sempre alla mia bocca.
Quando soavemente il cuore ei tocca,
     Alleggerisce le gravose salme:
     Nell’alma stende dilettose calme
     8Quando dolce suonando ei fuor ne scocca.
Cantisi al cominciar d’ogn’opra, e ancora
     Cantisi nel bel mezzo, e sulla fine:
     Che il suo bel suono l’anima innamora.
12Che al nome di Gesù tutto s’inchine,
     Nome che tutto tempra, ed avvalora,
     Son d’alta provvidenza arti divine.


SONETTO VII.


Adveniat regnum tuum.


Faccian quanto si vuol provincie e Regni
     Per stabilir la lor terrena sede;
     Che la sorte alle cose non tien fede;
     4Gl’indegni esalta, e non conosce degni.
Ciò vuole Iddio perchè a più alti segni
     Il cuor si levi, e sì da quel che vede
     Faccia ragione a ciò che spera e crede;
     8Che provvidenza altissima alfìn regni;
Che tutto agguaglierà con giusta libra
     Nel regno suo, che verrà in fin del mondo.
     Ai meriti donando e premi, e pene .
12Venga il tuo regno, o Dio, o nostra spene;
     Regni nel mondo il tuo saver profondo,
     E giustizia, che tutto affina, e cribra.