Pagina:Commedia - Inferno (Buti).djvu/639

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
   [v. 58-72] c o m m e n t o 595

questa pena, ch’elli sieno. in continuo circulare movimento e che vadano lentamente e piangendo, e sieno dipinti di fuori e nella vista stanchi e vinti; e ch’abbino in dosso cappe con cappucci grandissimi in fino alli occhi, dorate di fuori e d’entro di piombo gravissime a portare. E questa pena debitamente risponde a tal peccato: imperò che come nel mondo non puosono fine alli loro inganni; ma sempre andarono d’inganno in inganno; così di là continuamente vadino e non abbino mai riposo: e come ebbino lentezza nel mondo alle virtù et ancor nelli atti di fuori, per mostrarsi ben modesti; l’abbiano di là ancora al lor tormento. E come di qua alcuna volta piansono simulatamente per mostrarsi compassivi; così veramente piangono di là per le pene e per li tormenti. E come nel mondo si sono mostrati di fuor con le cappe grosse e stracciate, per mostrarsi stracciatori et ancora sprezzatori delle cose del mondo, e di sotto ànno portate le cose dilicate; così per lo contrario nell’inferno le portano dipinte et indorate di fuori, e d’entro di piombo coi cappuzzi nelli occhi, perchè così sono iti nel mondo; grandi per maggior pena in vendetta delli cappuzzetti ch’ànno portati nel mondo, per infignersi e simularsi dispregiatori delli apparati e pompe del mondo; stanchi e vinti sono nell’inferno per la pena sì, come di qua nel mondo si sono mostrati per parere uomini di gran penitenzia. Et allegoricamente tutte queste pene vuole dimostrare essere nelli uomini del mondo, che sono ipocriti: imperò che sono tre spezie d’ipocriti, che l’una è più grave dell’altra. La prima è di coloro che si mostrano buoni di fuori, e sono rei d’entro: però che mostrano 1 nelle viste di fuori virtuosi, mostrando d’amare e temere Idio, e nell’opere occulte sono viziosi e mondani. Alcuni si mostrano 2 nelli atti esteriori et interiori; ma fannolo per esser lodati dal mondo, non per piacere a Dio. Et alcuni sono ipocriti per non parere ipocriti, come se tu domandassi a questi così fatti: Digiuni tu oggi? Et elli non digiunando, risponda: Idio il sa; ecco che usa doppia ipocresia: imperò che non digiunando, vuole mostrare che digiuni; e perchè tu gliele creda meglio per mostrare che non sia ipocrita, usa l’altra ipocresia, dicendo: Idio il sa. E de’primi si può dire ch’abbino le cappe d’oro di fuori, e d’entro di piombo, perchè mostrano di fuori buoni, e d’entro sono rei; e sono gravati nella loro coscienzia dallo inganno che fanno, che tuttavia sono rimorsi dalla coscienzia. De’ secondi si può dire che sieno dipinti: imperò che ciò che fanno lo fanno per piacere al mondo. E de’ terzi si può dire che sieno l’altre

  1. Mostrano; si mostrano, maniera d’ usare i verbi transitivi assolulamente, non senza proprietà e grazia nei Classici nostri. E.
  2. C. M. si mostrano buoni nelli atti