Pagina:Commedia - Inferno (Buti).djvu/640

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
   596 i n f e r n o   xxiii. [v. 58-72]

condizioni; cioè piangolosi e stanchi e vinti, perché così mostrano per mostrare che non sieno ipocriti; coi cappuzzi nelli occhi, per non lasciarsi vedere, acciecano loro medesimi usando l’ipocresia per appiattare l’ipocresia; e fanno movimento circulare con passi lenti, perché dello inganno della ipocresia ritornano nella ipocresia; e vannovi lentamente, perchè l’uomo non se ne avveggia; e però dice lo testo: Là giù; cioè nel fondo della sesta bolgia, trovammo; cioè Virgilio et io Dante, una gente dipinta; quanto all’abito di fuori, Che giva intorno; per lo fondo della sesta bolgia, assai con lenti passi, Piangendo; per la pena, e nel sembiante; cioè nella vista, stanca e vinta; per lo peso che portavano; e rende la cagione: Elli avien cappe; quelli detti di sopra, con cappuzzi bassi Dinanzi alli occhi; sì che coprivano loro li occhi, fatti a quella taglia; cioè a quel modo, Che in Cotogna pe’ monaci fassi; che vi sono. Cologna è una citta nella Magna nella quale è uno grande e ricco monasterio, nel quale fu una volta uno abbate tanto superbo, ch’ebbe ardimento d’impetrare dal Santo Padre di potere elli e i suoi monaci vestire, cappe di scarlatto e portare cinture d’ariento inorato e 1 sproni a modo di cavalieri, lo quale il papa riprese molto della sua stoltizia e superbia, e comandolli che dovessono portare cappe nere con capuzzi grandi sì, che vi capesse una grande misura di biada, et alle cintole portassono fibbia e puntale di legno, e così le staffe; e però ne fa similitudine l’autore. Di fuor dorate son; le dette cappe dell’ipocriti, sì ch’elli abbaglia; le viste delli riguardanti, come fanno li atti dell’ipocriti, Ma d’entro tutte piombo; le dette cappe, e gravi tanto; per lo piombo, Che Federigo; secondo, che fu imperadore, le mettea di paglia; alli giudicati per lui. Per respetto di questo è da sapere che lo imperadore Federigo secondo coloro, ch’egli condannava a morte per lo peccato dell’offesa maestà, li facea spogliare ignudi e vestire d’una veste di piombo grossa un dito, e faceali mettere in una caldaia sopra il fuoco, e facea fare grande fuoco tanto, che si struggea lo piombo addosso al misero condannato, c così miseramente e dolorosamente lo faceva morire. Onde l’autor dice: Benché le cappe del piombo, che facea mettere lo imperador Federigo ai dannati, fossono di piombo grosso un dito; ell’erano di paglia per rispetto di quelle che per Divina Giustizia vestivano l’ipocriti; e però esclamando, aggiugne l’autore: O in eterno; questo dice, perchè non dee mai venire meno, faticoso manto; cioè pieno di fatica e d’angustia 2, ben conveniente a tal peccato sì, che come ànno simulata gravità per parere santi e buoni in questa vita; così portino quella di là in vendetta della Divina Giustizia: e come sono

  1. C. M. e staffe inorate a modo
  2. C. M. d’angoscia,