Pagina:Commedia - Inferno (Buti).djvu/661

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
   [v. 1-15] c o m m e n t o 617

nell’altro è Libra; e tutti li pianeti vanno sotto questo zodiaco obliquando qua e là, salvo che il sole, che sempre va per lo diritto mezzo 1 per la linea eclittica, e va da occidente a oriente, secondo lo suo movimento sempre acquistando in 24 ore, o poco più, uno grado del segno; benché lo movimento del fermamento lo ruoti seco da oriente ad occidente. E però secondo che passa sotto li segni, s’approssima e dilunga da noi; e così accresce e manca lo di’ e la notte, e questo si può meglio mostrare con la Spera materiale, che scrivere con la penna o dire con la lingua, e però chi lo vuol vedere, ricorra quivi. Aggiugne poi l’autore: Quando la brina; cioè la brinata, assempra; cioè t’appresenta, in su la terra; sopra la quale è caduta, L’imagine; cioè la similitudine, di sua sorella bianca; cioè della neve, la quale è detta sua sirocchia 2, perchè si genera d’una medesima materia; cioè di vapori umidi: imperò che i vapori umidi elevati su nell’aere infìno allo interstizio, lo quale è termine dell’aere oltra il quale non possono passare, secondo vari luoghi a che ascendendo 3, si convertono; e però quando si convertono in acqua, quando in grandine e quando in neve e quando in brinata; et aggiugne: Ma poco dura alla sua penna tempra; cioè poco dura la brinata, come dura poco la temperatura della penna allo scrittore, quando scrive con essa: e così è qui 4 similitudine, dicendo: Lo villanello; cioè lo povero villano, a cui la robba manca; perchè è dilungato dalla ricolta, et allora sono più care le biade che in tutto l’anno; o vogliamo intendere lo strame per pascere le pecore: imperò nel testo fa menzione di ciò, Si leva; del letto o di casa, e guarda: cioè fuor di casa uscito, pone mente, e vede la campagna; cioè la latitudine de’campi, Biancheggiar tutta; per la brinata, ond’ei; cioè ond’elli, si batte l’anca; per lo dolore, Ritorna in casa; poi lo villanello, e qua e là si lagna; cioè si lamenta, Come il tapin; cioè lo misero, che non sa che si faccia; delle pecore che à nella stalla, Poi riede; cioè ancora ritorna a vedere, e la speranza il ringavagna; cioè lo conforta; o vogliamo dire e la speranza ringavagna: cioè ripiglia la speranza che avea perduta, Veggendo il mondo aver cangiata faccia; cioè apparenzia, In poca d’ora; cioè in piccolo spazio di tempo, perchè la brinata è strutta et ita via per lo caldo del sole, e prende suo vincastro; cioè suo bastone, E fuor; cioè della stalla, le pecorelle; sue, a pascer caccia; cioè alla pastura; e questo dice perchè usanza è de’ villani di tenere delle pecore, capre et altro bestiame.

  1. C. M. per ritto lo mezzo
  2. C. M. sua suore,
  3. C. M. ascendeno,
  4. C. M. è qui significazione, quando si fa per similitudine, descritto lo tempo, però segue la similitudine sua, dicendo: