Pagina:Commedia - Inferno (Tommaseo).djvu/14

Da Wikisource.


VI PROEMIO. dichiarazioni storiche, né le estetiche considerazioni , né le note diligenlissime basteranno a dare a conoscere l' a- nima dell' Allighieri , che è l' anima che agitava il suo se- colo, se il lettore con la propria meditazione non se ne crea a poco a poco un concetto, e non sa collocarsi nel vero punto a contemplare l'uomo interprete de' dolori di un popolo. Chi è egli dunque l'autore che, postosi accanto al soglio della giustizia sapientissima, sentenzia buoni e rei, gli uni esalta e beatifica, gli altri aggrava di tormento e d' infa- mia ? Chi é egli il guerriero scienziato, 1' amante teologo, il magistrato poeta, il giudice delle nazioni e dei re? Per- chè tante contradizioni nella sua natura, nelle opere sue tanti toni diversi? Ora giusto come spirito più che umano, ora implacabile quasi demone, or tenero come amante? A conoscere quest'uomo tutti gl'indizi! son preziosi: di- spersi, accrescono le contradizioni; raccolti, le vengono concihando. Leggiamogli parte del suo segreto nel volto. Miriamo quella fronte alta, pronta a contrarsi alla meditazione, a aggrottarsi allo sdegno; quelle guance alquanto incavate, quel mento sporgente , che dicono vigore e accensibilità : dall'aria altera della fìsonomia non so che di posato , di raccolto, e (in profilo riguardandola) di malinconico e di pietoso. Non un pensiero solo , un affetto , da quel volto traspare: que' lineamenti che, leggermente considerati, o infedelmente ritratti, non spirano che la ferocia e la rab- bia; la gravità, la sicurezza, il dolore, li modellano a espres- sione più varia e più profonda. Tu vi leggi un animo ar- dente , ma signore del proprio pensiero, ma rinchiuso in sé tanto da non lasciar prorompere invano scintilla del fuoco che lo divora; ma disposto a sentire in mezzo al- l' ira e all'orgoglio i più miti e nobili affetti; accessibile alla compassione che ama, al dolore ch'esalta l'anima, o la rende migliore. Ognuno avrà conosciuto fisonomie so- miglianti a questa di Dante, e, nonché impresse de' segni del rancore, informate a indulgenza e a pietà. Tale era l'a-