Pagina:Commedia - Inferno (Tommaseo).djvu/19

Da Wikisource.


PROEMIO. XI Nessuna maraviglia dunque se l' odio in quel canto siede allato all'amore ; se gli uomini stessi, per opposte qualità, sono qui rammentati con lode, altrove segnati d'infamia ; se il sentimento della pietà viene a spargere una stilla di refrigerio sulle fiamme dell'ira, un po' di dolcezza sul fiele del crudele disprezzo. Nessuna maraviglia se il ghibellino Federico, l'uomo si degno d' onore, è rammentato come precursore dell'Inquisizione, cacciato tra gli atei; se la cara buona paterna imagine del vecchio che gV insegnò come V nomo s' eterna, è da lui rincontrata sotto le fiamme punitrici di Sodoma; se Bonifazio, eh' egli tanto acremente accusa, empiamente vessato dal coronalo suo complice, gli trae di bocca accenti di compassione sinceramente addolo- rata, accenti che onorano non tanto la poesia e l'animo suo, quanto l'umana natura , la qual vi si mostra capace d'equità tanto degna del cielo. E' non cessa però d'esser uomo : l'equità sua a quando a quando traluce magnanima; ma poi le ire la offuscano, e il provocato dolore la irrita. Ardente nelle lodi, arden- tissimo ne'vituperii; ora vantatore della propria grandez- za, ora dimesso, e conoscente (al modo che i vili non la conoscono) la fiacchezza propria; nemico d'ogni simula- zione, ma non padrone di se tanto da non adoperare la forza della mente nel dare alla passione stessa aspetto di austera virtù; pronto insomma a mostrarsi altrui non pur quale egli è, ma quale si crede d'essere; e in ciò non mai ingannatore, ma talvolta ingannato egli stesso. E ben disse che al suo poema avevano posto mano e cielo e terra; perchè in esso s'alterna quant'ha la parola ispirata di più austero, e la virtù di più candido, e l'amore umano di più profondo, e l'ira di più meditato, e di più amaro il dis- prezzo, e l'amicizia di più cordiale, e la riverenza di più modesto, e i bassi affetli di più difficile a indovinare a chi non li abbia sperimentati, e i nobili di più generoso. Sem- plice e forte, ardente e grave, conciso e abbondante, ima- ginoso ed esatto, severo ed umano, tragico e comico, dotto e poeta, Fiorentino e Italiano, simbolo delle contradizioni