Pagina:Commedia - Paradiso (Buti).djvu/176

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
   164 p a r a d i s o   vi. [v. 10-21]   

no; lo nome proprio suo fu Iustiniano, e significa lo individuo; e però dice, son; cioè a vale quello individuo che io fui nel mondo, se non che l’anima che è forma de l’omo è partita dal corpo, sicchè quanto a la forma sono quello omo che io fui; ma non al composto della forma e materia. Questo Iustiniano fu imperadore dopo Iustino Seniore suo zio: imperò che Iustiniano era nato della sirocchia 1 di Iustino, et incominciò lo imperio ne li anni 528 e tenne lo imperio anni 38 e mesi 6; e fatto imperadore, prese a correggere le leggi romane levandone ogni superfluità e vanità, come dice l’autore nel testo. E però dice: Che; cioè lo quale Iustiniano, per voler; cioè per voluntà, del primo Amor; cioè dello Spirito Santo, lo quale è lo primo amore, ch’io; cioè lo quale amore io Iustiniano, sento; cioè avale che sono alla beatitudine, D’entro le leggi; cioè romane, trassi ’l troppo; cioè leva’ne, correggendone quello che v’era troppo: imperò che forse d’una medesima cosa v’era più volte, cioè in più luoghi, e ’l vano; cioè lo disutile: poteva essere una medesima cosa utile in più luoghi, bastava che fusse in uno, e così ne tolse il troppo levandone gli altri che erano di soperchio; potea anco essere che tra quegli che erano soperchi v’era uno più utile e più necessariamente detto: riteneva che v’era di quello che non era punto utile, e quello ne tolleva 2, e così ne toglieva il vano. E perchè nessuno bene possiamo fare senza la grazia d’Iddio, però dice che questo, che fu uno grande bene; arrecare le leggi in ordine e levarne lo troppo e ’l vano, elli fece, perchè Iddio volse e prestògli la grazia dello Spirito Santo, a ciò fare. E secondo ch’io ò trovato et udito da’ Legisti, Iustiniano fece la correzione di tutte le leggi in tre anni, commesso a Tribuniano maestro delli offici, eccellentissimo uomo, che questo facesse et eleggessesi compagni a ciò idonei, li quali tutti furno eccellentissimi uomini in numero nove, li quali 10 con Tribuniano et insieme collo imperadore predetto corressono e compuoseno lo Codice, arrecando li tre antichi in uno nuovo che contiene dodici libri ; e corressono e compuoseno li 50 libri di Digesti, cavandoli di quasi du’ milia libri, e poi che trenta centonaia di milliaia di versi dalli antichi Iurisconsulti fatti, e lo detto Tribuniano da altri compuoseno e corressono li quattro libri dell’Istituta et altre costituzioni imperiali fatte dal detto Iustiniano, per correzione di quelle che erano fatte prima. E prima ch’io; ora confessa lo peccato suo, dicendo: E prima ch’io; facesse questa opera, cioè la correzione delle leggi, e però dice: E prima ch’io; cioè e prima ch’io Iustiniano, a l’opra

  1. Sirocchia, sorocchia per sorella trovasi frequente nei padri di nostra lingua. E.
  2. Tolleva; dall’ infinito tollere. E.