Pagina:Commedia - Paradiso (Buti).djvu/247

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
   [v. 64-75] c o m m e n t o 235

della natura, cioè la sua bontà infinita, del quale dice Boezio nel terzo della Filosofica Consolazione: Quem non externœ pepulerunt fingere causœ Materiœ fluitantis opus, verum insita summi Forma boni, livore carens.— che; cioè la quale Bontà Divina, da sè sperne1; cioè dispregiando scaccia, Ogni livore; cioè ogni invidia: dice Platone d’Iddio: Optimus erat, et ab optimo omnis invidia relegata est. — Se Iddio non avesse produtto la natura creata che è così bella cosa, parrebbe non avere voluto comunicare la sua bontà a nessuno, e così parrebbe essere stato invidioso, che avesse voluto lo suo bene infino pur per sè, et a niuno l’avesse voluto comunicare; e questo non può essere in lui: imperò che in lui è perfetta carità; e però dice: ardendo; cioè di fuoco e d’ardore di carità, in sè; cioè la bontà di Dio, ardendo in sè, e non in cose fuor di sè, sfavilla; cioè produce fuor di sè lo suo splendore e la sua luce, senza mancare in lui, come lo fuoco gitta splendore e faville, e perciò non manca in sè, Sì; cioè per sì fatto modo, ch’e’; cioè che egli, cioè Iddio, dispiega; cioè manifesta in diverse essenzie, le bellezze eterne; cioè le sue belle cose, che ab eterno esemplarmente sono state nella sua mente. E così appare per questo la prima conclusione; cioè che Iddio è creatore d’ogni cosa, mosso da la sua propria bontà. Ciò che da lei; cioè ogni cosa che dalla Bontà Divina, senza mezzo; cioè che non vi concorra altra cosa che elli, cioè Iddio, distilla 2; cioè deriva et è produtto in essere, Non à poi fine; cioè è perpetuo siccome gli angeli, li cieli e l’anime umane; le quali cose sono perpetue. E per questo appaiano due conclusioni; cioè che Iddio alcune cose produce immediate, et alcune cose mediate; e questa è la prima. L’altra conclusione è che ciò, che è produtto da Dio immediate, è perpetuo; e però qui è da notare che alquante cose sono produtte da Dio senza mezzo, siccome le cose predette, e tutte l’altro con mezzo della virtù et influenzia dei corpi celesti. E di quelle, che senza mezzo sono create da Dio, dice che sono perpetue; et assegna la cagione: perchè non si move La sua impronta; cioè perchè non si move la impressione che Iddio fa nella cosa ch’egli crea immediate: imperò ch’egli è immobile. Iddio è natura movente, e non mossa; e così la cosa creata senza mezzo da lui è indeficente, e così è perpetua. E

  1. Sperne; disprezza, dal latino spernere. E .
  2. Vincenzo Gioberti, rammentando la cosmogonia di Dante, osserva come egli distingue le creature in due classi; quelle fatte da Dio senza mezzo e nel loro essere intero, cioè in atto; e quelle create mediatamente, cioè solo in potenza, di complession potenziata. Alla prima classe pertengono i cieli, gli angeli e l’uomo; alla seconda gli elementi, la terra, .le piante, gli animali. Le creature di codesta seconda traggono la loro virtù informante da quelle della prima; cioè dai cieli. E.