Pagina:Commedia - Paradiso (Buti).djvu/310

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
   298 p a r a d i s o   ix. [v. 127-142]   

e però fu cacciato di paradiso, E di cui; cioè e del qual Lucifero. è la invidia tutta quanta: imperò ch’elli è padre della invidia e da lui ebbe origine, e per invidia si mosse contra lo Verbo Divino, e poi a tentare li primi parenti e fargli cadere da l’obedienzia, Produce; cioè la detta tua città di Fiorenza, e spande; cioè sparge per lo mondo, il maladetto fiore; cioè lo fiorino dell’oro, nel quale è da l’uno lato formato lo giglio, e dall’altro santo Ioanni 1 Batista, Che; cioè lo qual fiorino, à disviato le pecore e gli agni; cioè li grandi e li piccoli da Dio et àlli convertiti al dimonio. Però; ecco la cagione, ch’ à fatto lupo del pastore; cioè imperò che ’l fiorino àe fatto diventare coloro che debbono essere pastori, lupi; cioè li prelati che debbono essere pastore dei sudditi e pascergli del cibo spirituale, et i poveri ancora del cibo corporale, sono diventati lupi a divorare le facultà loro, acciocchè abiano 2 de’ fiorini. Per questo; cioè per aver bene de’ fiorini, l’Evangelio e i Dottor magni; cioè la santa Scrittura et i suoi libri, Son derelitti; cioè sono abandonati dai cherici e dai prelati, e solo; cioè solamente, ai Decretali; che sono libri di ragione canonica, Si studia; cioè da loro; perchè ne guadagnano da coloro che piatiscono li benefici, sì ch’appare; cioè sicchè si vede, ai lor vivagni; cioè ai loro vestimenti e panni: vivagno è lo canto de la tela lana; e però si pone per li panni, vestimenti et adornamenti, ponendo la parte per lo tutto per lo colore intellezione. A questo; cioè a lo studio dei fiorini, intende papa e cardinali 3; li quali sono al presente, Non vanno i lor pensier; cioè del papa e de’ cardinali, a Nazzarette; la quale è una città delle città delle cittadi della terra santa, ne la quale Cristo fu annunziato a la Vergine Maria 4 e diventò gravida, Là, dove; cioè nella quale città di Nazzarette, Gabriel; cioè l’angelo Gabriel, che è de l’ordine dei Serafini, aperse l’ali: imperò che a quella città discese ad annunziare a la Vergine Maria la incarnazione di Cristo. Et ora profetizza che tosto Roma sarà liberata da sì fatti prelati, e però dice: Ma Vaticano; questo è uno luogo in Roma così chiamato, nel quale sono stati sotterrati migliaia di martiri, e l’altre parti elette Di Roma; cioè li santuari e li luoghi sacrati di Roma, che; cioè le quali, son state cimitero; cioè luogo di sepultura, A la milizia; cioè a la cavallaria dei santi martiri, che; cioè la quale milizia, Pietro seguette; cioè seguitò santo Piero apostolo, credendo a la sua fede e morendo per la confessione della fede, come moritte santo Piero, Tosto libere fien

  1. C. M. Ioanni papa, Che;
  2. Abiano, conforme al latino habeant. E.
  3. C. M. cardinali; cioè li prelati tutti che sono nella Chiesa dal maggiore al minore, Non vanno
  4. C. M. Maria da l’angelo Gabriello, et allora fu fatta la concezione sua,