Pagina:Commedia - Paradiso (Buti).djvu/369

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

c a n t o   xii. 357   

133Ugo da Sanvittore è qui con elli,
     E Pietro Mangiator, e Pietro Spano,1
     Il qual giù luce in dodici libelli;2
136Natan profeta, e ’l Metropolitano
     Grisostimo et Anselmo e quel Donato,3
     Ch’a la prima arte degnò poner mano:4
139Rabano è qui, e lucemi da lato
     E1 calavrese abate Ioacchino5
     Di spirito profetico dotato.
142Ad inveggiar cotanto paladino
     Mi mosse la ’nfiammata cortesia
     Di fra Tomaso e ’l discreto latino,
145E mosse meco questa compagnia.

  1. v. 134. C. A. Mangiadore, e Pietro Ispano,
  2. v. 135. C. A. Lo qual giù
  3. v. 137. C. A. Crisostomo
  4. v.138. C. A. porla
  5. v. 140. calabrese abate Giovacchino

___________


C O M M E N T O


Sì tosto come l’ultima parola ec. Questo è lo xii canto di questa terza cantica, nel quale lo nostro autore fingendo come poeta induce a parlare maestro 1 Buonaventura da Bagnoreo dell’ordine dei frati minori de la santa vita di santo Domenico e della sua natività, e del soccorso che diede a la chiesa d’Iddio col suo predicare e col suo ordine 2; et a presso discende a dire dei frati minori mostrando come sono mancati da la perfezione co la quale incominciorno; e come nomina gli altri, che l’autore finge che fusseno con lui nel secondo cerchio ch’elli finge che cingesse lo primo detto di sopra. E dividesi questo canto, secondo lo modo usato, in due parti: imperò che prima finge come entrò a parlare maestro Buonaventura de l’origine di santo Domenico; nella seconda, della vita sua santa e del suo esercizio e dello sviamento dei frati minori dal loro principio, e come nominò gli altri beati che erano con lui nel cerchio, et incominciasi quine la seconda: Ben parve messo ec. La prima, che

  1. C. M. a parlare frate Bonaventura
  2. C. M. de’frati che costituitte