Pagina:Commedia - Paradiso (Buti).djvu/392

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
     380 p a r a d i s o   xii. [v. 141-145]   

e scrisse molte cose e tra l’altro fece una opera molto notabile della durazione del mondo e disse le cose che dovevano in quel mezzo avvenire; e secondo che si truova scritto disse al re di Francia et al re d’Inghilterra, quando andavano a vincere l’infideli, essendo a vernare a Messina di Sicilia, che eglino non acquisterebbono niente: imperò che non erano anco venuti a lo tempo d’acquistare Ierusalem, e così addivenne; e però dice l’autore di lui: Di spirito profetico dotato: imperò che li fu conceduto da Dio spirito di profezia, interpretando et esponendo le Scritture sante.

C. XII — v. 142-145. In questo uno ternario et uno versetto lo nostro autore finge che maestro Bonaventura manifestasse la cagione che ’l mosse a parlare di santo Domenico, e dice che fu lo parlare fatto prima da santo Tomaso di santo Francesco, dicendo così: Ad inveggiar; cioè a manifestare e lodare, et è 1 parlare lombardo, cotanto paladino; cioè sì grande paladino, come fu santo Domenico che veramente si può chiamare paladino di Cristo: imperò che come furno dodici conti di palazzo del re Carlo Magno a combattere con lui per la santa Chiesa, che si doverebbono chiamare palatini, come dice la Grammatica comites palatini; ma lo vulgare li chiama paladini; così fu santo Francesco e santo Domenico novellamente 2 a combattere per la fede contra ’l mondo, contra la carne e contra lo dimonio, Mi mosse; cioè mosse me Bonaventura, la ’nfiammata cortesia; cioè l’ardente carità, che àe mostrato santo Tomaso in verso santo Francesco, lodando la sua vita e santità; e dice cortesia: imperò che cortesia è dire bene d’altrui, Di fra Tomaso: imperò che frate Tomaso fu quello, che l’autore introdusse nel 3 precedente canto a parlare di santo Francesco e poi dei frati predicatori, come qui in questo canto àe introdutto maestro Bonaventura da Bagnoreo a parlare di santo Domenico e de’frati minori, e ’l discreto latino: imperò che molto discretamente fu introdutto santo Tomaso a parlare di santo Francesco, prima dicendo eccellentemente le sue virtù 4, e poi con discrezione riprese li suoi frati predicatori, E mosse meco questa compagnia; dice maestro Bonaventura a Dante et a Beatrice che non solamente santo Tomaso mosse lui a dire de le virtù di santo Domenico; ma eziandio con lui mosse tutta questa compagnia di quelli dodici, che l’autore àe finto che fussono con lui non senza cagione; ma per dare ad intendere che tutti li sopradetti undici dottori erano stati studiati da lui e veduti da lui, e da loro avea appreso, e così da’ suo’ frati Illuminato et Augustino della loro santità. E qui finisce lo canto xii, et incominciasi lo xiii canto.

  1. C. M. et è questo verbo lombardo invcggiare et parlare, cotanto
  2. C. M. novellamente eletti da Dio ad
  3. C. M. indusse nel
  4. C. M. le sue virtù e la sua vita e