Pagina:Commedia - Paradiso (Buti).djvu/394

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
   382 p a r a d i s o

19Et avrà quasi l’ombra de la vera1
     Costellazion e de la doppia danza,
     Che circulava il punto, dov’io era.
22Poi che tanto di là da nostra usanza,2
     Quanto di là dal muover de la Chiana
     Si muove ’l Ciel che tutti gli altri avanza,
25Lì si cantò non Bacco, non Peana;
     Ma tre Persone in divina natura,
     Et in una persona essa e l’umana.
28Compiè ’l cantor al volger sua misura,
     Et attesarsi a noi que’ santi lumi,3
     Felicitando sè di cura in cura.
31Ruppe ’l silenzio nei concordi numi
     Possa la luce, in che mirabil vita
     Del poverel d’Iddio narrata fùmi.
34E disse: Quando l’una pallia è trita,
     Quando la sua semenza è già riposta,
     A batter l’altra dolce amor m’invita.
37Tu credi che nel petto, onde la costa
     Si trasse per formar la bella guancia,
     Il cui palato a tutto ’l mondo gosta,
40Et in quel, che forato da la lancia,
     E possa e prima tanto satisfece,4
     Che d’ogni colpa vince la bilancia,
43Quantunqua a la natura umana lece
     Aver del lume, tutto fusse infuso
     Da quel valor che l’uno e l’altro fece;
46E però ammiri a ciò ch’io dissi suso,
     Quando narrai, che non ebbe ’l secondo5
     il ben che ne la quinta luce è chiuso.

  1. v. 19. C. A. Ed avrai
  2. v. 22. C. A. Poi ch’è tanto di là
  3. v. 29. C. A. attesersi
  4. v. 41. C. A. E prima e poscia tanto soddisfece,
  5. v. 47. C. A. ebbe secondo