Pagina:Commedia - Paradiso (Buti).djvu/470

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
     458 p a r a d i s o   xv. [v. 139-148]   

amor; cioè l’amore del qual mondo, molte anime deturpa; cioè brutta di peccati e di vizi, E venni dal martiro a questa pace; cioè de la morte, la quale sostenni come martire, a la pace di vita eterna che è in questo cielo per rappresentazione; ma nel cielo empireo per 1 esistenzia. E così si dimostra che chi combatte per la fede e muore è martire, e che li martiri si rappresentano nel pianeto di Marte, perchè àe a dare influenzia di battaglie, come detto è di sopra. E qui finisce lo canto xv, et incominciasi lo canto xvi de la terza cantica.

  1. C. M. per resistenzia.