Pagina:Commedia - Paradiso (Buti).djvu/701

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

c a n t o     xxvi. 689   

133Pria ch’ io scendesse a l’ infernale ambascia,
     Un s’appellava in terra il sommo Bene,1
     Onde vien la letizia, che mi fascia.
136Eli si chiamò poi; e ciò convene:
     Chè l’uso de’ mortali è come fronda
     In ramo, che sen va, e l’altra viene.
139Nel monte, che si leva più dall’onda,
     Fu’ io con vita pura e disonesta
     Da la prima ora a quella, che seconda2
142Come ’l Sol mula quadra, l’ora sesta.

  1. v. 134. C. A. I s’appellava
  2. v. 141. C. M. C. A. che è seconda,




C O M M E N T O


Mentr’io dubbiava ec. Questo è lo canto xxvi della terza cantica, nel quale lo nostro autore finge come santo Ioanni evangelista l’esaminò della virtù della carità; e come li ritornò la vista e fuggitte l’abbaglio; e come poi apparve a lui lo quarto spirito, che fu lo primo omo Adam, col quale ebbe molto ragionamento, come apparrà nel testo. E però si divide questo canto in due parti principali: imperò che prima finge come santo Ioanni l’esaminò de la carità che è la terzia virtù teologica; nella seconda parte, come; ritornatoli la vista, vidde lo quarto splendore apparito, che fu Adam, et ebbe ragionamento con lui, et incominciasi quine: Siccom’io tacqui ec. La prima, che sarà la prima lezione, si divide in sei parti: imperò che prima finge come santo Ioanni lo incominciò a dimandare della carità, e confortarlo che la vista ritornerebbe; nella seconda finge com’elli rispuose al dimando et al conforto, et incominciasi quine: Io dissi: Al suo ec.; nella terzia parte finge Io dimandò della detta virtù più sottilmente, e com’elli incominciò al dimando a rispondere, et incominciasi quine: Et io: Per filosofici ec.; nella quarta parte finge com’elli, oltra quello che avea risposto, adiunse una conclusione, et incominciasi quine: Dunqua a l’essenzia, ec.; nella quinta parte finge come fu confermata la sua risposta e più oltra fu dimandato, et incominciasi quine: Et io udi’: ec.; nella sesta finge come a quello dimando rispuose, et incominciasi quine: