Pagina:Commedia - Paradiso (Buti).djvu/84

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
   72 p a r a d i s o

22E nulla viddi e ritorsili avanti
     Dritti nel lume della dolce guida,
     Che sorridendo ardea nelli occhi santi.
25Non ti meravigliar perch’ io sorrida,1
     Mi disse, appreso il tuo pueril quoto.2
     Che sopra ’l ver lo piè ancor non fida;3
28Ma te rivolve come suole a voto.4
     Vere sustanzie son ciò che tu vedi
     Qui relegate per manco di voto.
31Però parla con esse, et odi e credi
     Che la verace luce che li appaga
     Da sè non lassa lor torcer li piedi.
34Et io all’ ombra, che parea più vaga
     Di ragionar, drizza’mi e cominciai,5
     Quasi com’ om cui troppa vollia smaga:
37O ben creato spirito, ch’ ai rai
     Di vita eterna la dolcezza senti,
     Che non gustata non s’ intende mai,
40Grazioso mi fia se mi contenti
     Del nome tuo e della vostra sorte;
     Ond’ ella pronta e con occhi ridenti:
43La nostra carità non serra porte
     Ad iusto prego, se non come quella6
     Che vuol simile a sè tutta sua corte.
46Io fui al mondo vergine sorella,
     E se la mente tua ben si riguarda,
     Non mi ti celerà l’ esser più bella;

  1. v. 25. C. A. maravigliar
  2. v. 26. C. A. appresso tuo
  3. v. 27. C. A. Poi sovra il vero ancora i piè non fida;
  4. v. 28. C. A. Ma sè
  5. v. 35. C. A. drizzaimi
  6. v. 44. C. A. A giusta voglia, se non