Pagina:Commedia - Purgatorio (Buti).djvu/132

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
   122 p u r g a t o r i o

136Or ti fa lieta: chè tu ài bene onde:
     Tu ricca, tu con pace, tu con senno.
     S'io dico ver, l’effetto nol nasconde.
139Atene e Lacedemona, che fenno
     Le antiche leggi, e fuoron sì civili,
     Fecero al viver ben un picciol cenno
142Verso di te, che fai tanto sottili
     Provedimenti, che a mezzo novembre
     Non giunge quel che tu d’ottobre fili.
145Quante volte nel tempo che rimembre,
     Legge, monete, et offici, e costume
     Aì tu mutato, e rinnovato membre?
148E se ben ti ricordi, e vedi lume,1
     Vedrai te similliante a quella inferma,
     Che non può trovar posa in su le piume;
151Ma con dar volta suo dolore scherma.2

  1. v. 148. C. A. Me se ben ti ricorda,
  2. v. 151. Scherma; da schermare, verbo dalla terza coniugazione ridotto alla seconda, come spesso costumavano i padri di nostra lingua. E.

___________


C O M M E N T O


Quando si parte il gioco de la zara ec. In questo canto sesto lo nostro autore continua de la preditta materia; cioè di quelli che ànno indugiato la penitenzia infine a la lor morte violenta, che sono stati morti; et incomincia a trattare de la penultima condizione, cioè di coloro che, occupati a le cure de le familie et alle scienzie, ànno indugiato la loro penitenzia o alcuno tempo, o infine a la fine de la vita. E dividesi questo canto principalmente in due parti: imperò che prima pone lo compimento de la precedente condizione, et incomincia a trattare de la penultima; ne la seconda parte fa l’autore una disgressione, ponendo una sua invettiva, o vero esclamazione contra più persone come apparerà in essa, et incomincia quive: Ahi serva Italia, ec. La prima parte, che serà la prima lezione, si divide in sei parti: imperò che prima pone come tutte