Pagina:Commedia - Purgatorio (Buti).djvu/553

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
   [v. 142-154] c o m m e n t o 543

me la istoria evangelica, e l’allegorico intelletto dell’evangelio di s. Gioanni. Appare come s. Gioanni, avendo preso mollie, celebrò le nozze ne le quali fu Cristo e la Vergine Maria e li Discepuli per du’ rispetti; l’uno per mostrare ch’elli approvasse lo matrimonio come sacramento da la Chiesa, appresso per dimostrare sotto questa figura la coniunzione de la santa Chiesa con Dio padre che si dè compiere di po ’l iudicio. Et incominciò infine ne la ascensione di Cristo al padre, et incomincionnosi le nozze allora quando offerse l’agnello immaculato in sul legno de la Croce per la colpa umana; sicchè poi è intrato in vita eterna ogni fedele cristiano et èssi pasciuto de la sua carne e rifetto del suo sangue in perpetua letizia, e pascerà sempre; ma al di’ 1 iudicio si compierà fare lo matrimonio: imperò che allora la sposa intrerà ne la camera di Dio padre; cioè la santa Chiesa con tutti suoi fedeli a stare sempre coniunta con lui e godere sempre le suoe delizie. E questo figuravano le nozze di san Gioanni, le quali Cristo co la sua penitenzia 2, e de la madre e de li Apostuli celebrò et onorò: imperò ch’elli incominciava già a fare lo parentado tra Dio padre e la s. Chiesa, come quando si fa la promissione e la iura; ma, perchè non era anco tempo de la coniunzione, chiamò de le nozze 3 s. Gioanni e fecelo seguire sè, perchè fusse figura che non era anco lo tempo de la coniunzione; ma sì di incominciare lo parentado. E questo vedendo inanti la Virgine Maria, piena de lo Spirito Santo disse a Cristo: Vinum non habent, avendo respetto al futuro convito, perchè parlasse del presente; e però Cristo rispuose al futuro, dicendo: Nondum venit ora mea; quasi dicesse: Non è anco lo tempo di dare piena refezione e letizia, quando fi’ tempo io lo darò; e però dice l’autore che la Vergine Maria non disse: Vinum non habent, nel convito per sè; ma per noi che non avevamo ancora le refezione e letizia celeste: imperò ch’ella era et è sempre nostra avvocata. E però rispuose Cristo che anco non era venuto l’ora sua, che quando ella fusse venuta farebbe quello che fusse necessario; e niente di meno allora fe quello che era necessario, mutando l’acqua in vino e dando letizia a tutto quello convito. E questo esemplo de la Virgine Maria è contra li golosi che desiderano la refezione corporale e non spirituale, come desiderò ella non pur per sè; ma più per tutti li fideli cristiani. E le Romane antiche; cioè le donne antiche di Roma, Contente fuoron d’acqua per lor bere; anco fu vietato l’uso del vino a le donne romane, come recita Valerio, libro ii. cap. 1; e questo è l’ altro esem-

  1. Al di’ iudicio; al di’ di iudicio, dove la maniera ellittica della particella di accennante cagione formale aggiugne vaghezza al costrutto. E.
  2. C. M. sua pesenzia,
  3. C. M. delle nozze di santo Gioanni