Pagina:Commedia - Purgatorio (Buti).djvu/594

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
   584 p u r g a t o r i o   x x i v. [v. 112-129]

omini da la cintola insù e la parte del cavallo da la sella a la groppa: imperò che ’l collo e ’l capo del cavallo stava chinato giù nell’acqua a bere e non si vedea, però parveno mezzi cavalli e mezzi omini. Solevasi inanti andare a le battallie in su li carri e però questi spaventonno tutta la Grecia per li assallimenti presti e per le fugghe che faceano prestamente, come ditto è nel xii canto de la prima cantica, che satolli; cioè li quali saziati ne le nozze di Piritoo, loro fratello dal lato di padre, et inebriati volseno sforsare e rapire la sposa, cioè la donna di Piritoo; ma Teseo et Ercule che v’erano insieme coi Lapiti, li ucciseno e caccionnoli via, come appare ne la prima cantica nel xii canto; e però dice: Teseo; cioè lo compagno di Piritoo, combattèr; cioè combatterono Teseo che era ne le nozze; altro testo dice: Testeso; cioè incontenente, come funno satolli, combatterono, coi doppi petti; cioè coi loro petti ch’erano doppi d’omini e di cavalli; e questo testo credo che sia più vero, a dimostrar la colpa de la gola e li mali che ne seguitano: imperò che prima che fusseno satolli et inebriati non fenno male; ma poi immantenente, come funno ebri e satolli, volseno fare violenzia a la sposa e combatterono, come dice Ovidio, Met. libro xii; pilli lo lettore qual più li piace. E de li Ebrei; dicea la voce che biasmava la colpa de la gola che s’arricordasseno ancora delli Ebrei, ch’al ber si mostrar molli; cioè golosi nel loro bere, Per che; cioè per la qual cosa, non volle; cioè nolli volse; cioè Gedeon; loro iudici e capitano, compagni; cioè a combattere con li re di Madian; e però dice: Quando inver Madian; cioè in verso quella contrada che si chiamava Madian, discese i colli; cioè discese dei monti, in su li quali era, ne la pianura a combattere co li re di Madian. Leggesi ne la Bibbia nel cap. vii de’ ludici che Gedeone, essendo iudice e reggitore del populo di Dio, avendo guerra con quelli di Madian che erano vicini, ebbe comandamento da Dio che andasse a combattere con loro, e non menasse seco tutto lo populo; ma solamente coloro che volesseno andare di loro volontà, e rimaseno forsi mille. Et anco disse Iddio a Gedeon che di quelli avvisasse quelli che bevesseno al fiume, come bestie co la bocca nel fiume, lassasse; e quelli che bevesseno co la mano menasse seco, li quali rimaseno 300; e con questi con fiaccule e con lumi discese di su li colli dei monti et assalitte di notte l’esercito de’ nimici ch’erano accampati nel piano, e sconfitteli che erano parecchie milliaia co la grazia di Dio, et uccise due re di Madian; cioè Gebes. Sì accostati ad un dei du’ vivagni; cioè dei du’ canti, o vero estremitadi: vivagni si chiamano li canti de la tela, e però qui l’autore li pone per l’estremità del girone: imperò che di verso la grotta del monte era l’arbaro, et elli co le suoe guide andava del canto di fuore