Pagina:Commedia - Purgatorio (Tommaseo).djvu/52

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


40 PURGATORIO. Orribir furon li peccati miei; Ma la Bontà ’rifinita ha si gran braccia Che prende ciò che si rivolge a lei.. Se ’1 pastor di Cosenza, che alla caccia Di me fu messo per Clemente allora, Avesse in Dio ben letta questa faccia;. L’ossa del corpo mio sarieno ancora In co’ del ponte presso a Benevento, Sotto la guardia della grave mora.. Or le bagna la pioggia e muove il vento Di fuor dal Regno, quasi lungo ’l -Verde, Ove la trasmutò a lume spento.. Per lor maladizion sì non si perde, Che non possa tornar l’eterno Amore, Mentre che la speranza ha fior del verde.. Vero è, che quale in contumacia muore Di santa Chiesa, ancor ch’ai fin si penta. Star gli convien da questa ripa in fuore, M. (SD Oyribil’. Fu dissolulo e ambizioso, e diopsi uccidesse Federigo il padre e Corrado fratello (Vili., VI., VII): ma non è ben provalo. (F) Gran. QC ] 1s, L, 2: Numquid abbreviata et parvula facia est nianiis mea ut non posu’m redimere? — Prende [C ] Ps. XXXI. io: Multa {la(fella neccalori.s, speranlem autem in Domino miaerìcordia circiwidabit. — involge. CC] Eccli., XVll. 28- Quam maqua misericordia Domini et propi’ tiaiio illiua convertenti bus ad se. (L) Per: da. — In: nel libro di Dio. (SD Clemente quarto, che ricevè Irionfahnenle In Roma Carlo d’Angiò. vincitor di Manfredi. Vili., VII, 9: Perette (Manfredi) era scomunicato, non volle lo re Carioche fosse recato in luoQO sacro. ma appiè del ponte di Benevento fu seppellito, e sopra la sua fossa per ciascuno dell’oste fu qittaia una pietra; onde si fece una (/rande mora di sassi Ma per alcuni si disse che poi, per, mandato del papa, il vescovo di Cosenza il trasse da quella sepoltura e mandollo fuori del regno, perchè era regno della Chiesa: e fu seppellito lungo il fiume del Verde a’ confini del Regno e di Campagna. L’Ollimo aggiunse die il Legalo lo fece disseppellire per ademr)iere il giuramento fallo di cacciarlo dal regno. — Faccia, Simile figura nel Canio IX del Paradiso. 43. (L)»>)’;capo — Mora: mucchio. (SD Ossa. JEn., VI tSedibus ossa quièrunt.. (L) Spento: cosi porlavansi i corpi scomunicali. (SD Or.J£.n.,ì:Nuncmefluctus habei, versantque in litore venti. — Verde. Tra la Puglia e la Marca: melle Tronio, non lontano da Ascoli.. (D 5j perde Impersonale. — Mentre: sino — Fior: punto vive. (SD Verde Buonarroii: D’ogni mia speme il verde è spento. (F) Lor. Non nomina i suoi nemici, e non lì chiama costoro: ma, cosi in ombra, più lì risparmia e più li condanna. — Perde Maestro deìle sentenze citato da Pietro: Talvolta chi è messo fuori è pure dentro — Tornar. Ne’ Salmi sovente convertere della misericordia di Dio. — Verde. [C] Job XIV: Lignum habet spem; si proscisum fuerit. rursum virescit.. (L) Quale: chiunque. — Contumacia: separalo. — Fuore: alle falde.