Pagina:Cordelia - Dopo le nozze, Milano, Treves, 1882.djvu/158

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
144 i teatri


aperta durante la giornata; soltanto vorrei che le commedie che vi si rappresentano non fossero di quelle eterne scipitaggini che vediamo rappresentare tutti i giorni senza capo nè coda, ma delle cosettine ben fatte, e tali da poter essere comprese e gustate dalle menti di bimbi, e non vorrei nemmeno certe faccie grottesche che fanno perdere loro il gusto del hello, ma che invece anche nel volto e negli abbigliamenti di quei fantocci ci fosse qualche cosa di attraente e di grazioso.

Fino che i nostri figliuoli si contentano e ci trovano gusto alle marionette, è inutile condurli a spettacoli di maggior importanza; dobbiamo fare di tutto perchè l’età dell’innocenza e dei facili divertimenti duri il maggior tempo possibile. In quest’epoca in cui si va innanzi in fretta, viene fin troppo presto il tempo in cui si trovano sazi ed annoiati di tutto.

Dunque, nemmeno al teatro non conviene condurli troppo spesso, se sono piccini, perchè perdono le ore del sonno e